lunedì 22 agosto 2011

MALAYSIA - La terra di Sandokan


          
MALAYSIA - Territorio e avventura

La Malaysia occidentale è occupata da un rilievo, la Catena Centrale, che ha direzione nord-sud e rappresenta la continuazione della dorsale che attraversa tutta la penisola indocinese.
Questa catena è interrotta da diverse vali percorse da fiumi.
Le fasce costiere che si affacciano sullo Stretto della Malacca e sul Mar Cinese meridionale sono costituite da strette pianure solcate da corsi d'acqua, e terminano con un litorale basso e sabbioso, a volte orlato da lagune o da zone paludose.
La parte insulare della Malaysia comprende il versante settentrionale del sistema montuoso centrale del Borneo.
Nella regione orientale il rilievo diventa tormentato e si dirama in diverse dorsali.
I fiumi sono ricchi d'acqua, ma hanno corso breve...., l'unico fiume di una certa importanza è il Rajang.
Una fascia pianeggiante, attraversata da fiumi e colline, si apre verso la costa che è bassa e sabbiosa.
Entrambe le regioni hanno un clima equatoriale con temperature elevate in tutti i mesi dell'anno, mentre la ripartizione delle piogge è differente a causa della diversa azione sulle due parti.
  




   
Se la parola "Malesia" risveglia in noi il brivido dell'avventura e del mistero, ciò è dovuto in gran parte alle opere di Emilio Salgari (1862-1911), lo scrittore che ha fatto sognare diverse generazioni di giovani con il ciclo di romanzi ambientati in questa terra lontana e misteriosa.
Salgari pubblicò complessivamente un'ottantina di romanzi, oltre a un numero imprecisato di racconti, che se in vita non gli assicurarono l'agognata agiatezza economica (l scrittore morì infatti povero e suicida), dopo la morte gli garantirono una fama duratura.
  

  

Salgari, naturalmente, non vide mai i luoghi che descrisse.
Eppure seppe ricreare la magica suggestione dell'Oriente, descrivendo l'ambiente malese con tinte sfavillanti e con una dovizia di particolari davvero sbalorditiva.
I suoi personaggi, il famoso Sandokan, il fido Yanez, zia, l'amore, la vendetta) e si muovono su sfondi esotici: la giungla lussureggiante, densa di insidie, dove si nascondono le belve feroci, luccicano i pugnali e risuonano le risa degli avventurieri.
   

   
Le peripezie del valoroso Sandokan, il leggendario capo dei pirati del la Malesia, della leggiadra Marianna, la "perla di Labuan", e di molti altri personaggi hanno acceso la fantasia di schiere di lettori, procurando loro sogni di evasione a buon mercato.
All'entusiasmo, si sono purtroppo unite le perplessità della critica letteraria che ha rimprovera.
Va detto, tuttavia, che ciò non ha minimamente scalfito la fede dei lettori che sempre ricorderanno opere come "I pirati della Malesia" (1896)...Le tigri di Mompracem" (1901)... e "Sandokan alla riscossa" (1907).

Malaysia... terra di pirati, densa di fascino, per le varietà dei luoghi...fantastici, molti da cartolina.., dove possiamo spaziare tra mare e giungla...
    







Nessun commento: