giovedì 25 agosto 2011

SAN PIETRO AL NATISONE - Brod


  
SAN PIETRO AL NATISONE
Comune in provincia di Udine
ABITANTI - 2.300 circa


FRAZIONI - Altovizza, Azzida, Becis, Biarzo, Cedron, Chiabai, Clenia, Cocevaro, Correda, Costa, Oculis, Macorins, Mezzana, Podar, Ponteacco, Ponte San Quirino, Puoie, Sorzento, Tarpezzo, Tiglio, Vernassino, Sotto Vernassino, Vernasso.

SANTO PATRONO - 29 giugno Santi Pietro e Paolo


C'è un posto, lungo il corso del fiume Natisone, dove ora si distende il bel paese di San Pietro, che mantiene ancora l'antichissimo nome di Brod, cioè guado.
Nel fluire delle acque, lungo tutto il percorso, il Natisone è caratterizzato da una serie di balze e di fosse che finiscono a Premariacco.
Ma qui, a Brod, all'altezza di San Pietro, queste fosse lasciano il posto ad un degradare facile fino alle acque: ed è naturale la certezza che il Brod fosse il punto d'incontro, fin dai periodi longobardi e patriarcali e forse anche romani, per l'afflusso e il guado di merci in andata verso il nord e in discesa verso la pianura friulana.
Il Brod ebbe, nello stesso tempo, importanza strategico - militare a difesa del retroterra: e alcuni patriarchi potenziarono questa strada sia per il primo che per il secondo motivo.

Il guado costituiva la vera entrata nella Slavia veneta, sede di mercato e di fiere e anche luogo di incontri culturali e di scambi tra popolazioni diverse, ma sempre in contatto.
Il 29 giugno, qui si teneva, fin dal Quattrocento una festa internazionale e dava l'occasione all'Arengo delle Banche di Merso e di Antro, che erano, in fondo, il Consiglio generale o piccolo Parlamento dell'intera Slavia Veneta.
Come competenza aveva la giurisdizione degli affari comuni e della giustizia.
La seduta si svolgeva attorno ad una lastra di pietra, sotto i tigli, davanti alla chiesa di San Quirino.
Il Brod aumentò la sua importanza di controllo mercantile nel periodo della Serenissima, fino a quando decadde per un dirottamento del traffico attraverso i passi di Tarvisio e Monte Croce Carnico.

A San Pietro al Natisone nacque Francesco Musoni (1863 - 1923) illustre scienziato di idrologia, speologia e antropogeografia.
Conoscitore di molte lingue, pubblicò con Olinto Marinelli la preziosa Guida delle Prealpi Giulie e una monografia sulla Jugoslavia.
Fondò a Udine il Liceo scientifico che diresse fino alla morte.



Nessun commento: