venerdì 19 agosto 2011

TRAVESIO - Provincia di Pordenone - FVG


Chiesa di San Pietro


TRAVESIO
Comune in provincia di Pordenone
Abitanti - 1800 circa
Santo patrono - 29 giugno San Pietro Apostolo


Certamente il nome deriva dal latino "intra vias" e la radice di un insediamento umano è altrettanto certamente molto antica: la sua pieve, dedicata a San Pietro è fra le più antiche di tutte le chiese della diocesi di Concordia, matrice di tutte le chiese tra il Tagliamento e il Meduna, compresa quella di Spilimbergo.

Lo conferma la bolla di papa Alessandro III datata 27 aprile 1174, in cui si riconferma alla Pieve di San Pietro un'ampia giurisdizione.

Secondo alcuni studiosi che si legano ad un toponimo "cjastellat", ci doveva anche essere un castello di cui, si sarebbero scoperte alcune tracce di mura, resti di un fortilizio già demolito nel decimo secolo.

Il "Pontic" sul torrente Cosa

Di notizie storiche non c'è grande abbondanza: Travesto fu per diversi secoli possesso dei Signori di Castelnuovo e poi, nel 1513, passò ai Savorgnan: questi, da Venezia, ebbero privilegio di esercitare la giustizia in un primo e secondo grado, fino alla pena di morte, con più il diritto di eleggere il titolare della pieve, diritto che venne a cessare nel 1906.

Nella chiesa quattrocentesca vi lavorò il Pilacorte, con un magnifico ricamo dell'urna battesimale.

Affresco del Pordenone


 Ma sono ancora di più grande valore gli affreschi che il Pordenone realizzò tra il 1517 e il 1533, nell'abside.

Purtroppo, anche se ci sono stati diversi tentativi, queste opere hanno subito logoramenti gravi, provocati dall'umidità e dai terremoti.

Castello di Toppo


Il castello di Toppo pare affondare le sue radici al tempo dei longobardi: ma la storia di Toppo è forse più ricca di quella del capoluogo.

Anche la sua configurazione urbanistica dimostra una specie di autonomia di costruzioni abitate che il terremoto ha fatto guardare con maggiore attenzione: vuote per un esodo massiccio di emigranti, sono state riparate con grande utilità per il nostro patrimonio ambientale.

Chiesa della Madonna del Latte
___________________________________________________________

Nessun commento: