domenica 22 gennaio 2012

CAMPOFORMIDO - Udine - Friuli Venezia Giulia

Statua della Pace - Campoformido

    
CAMPOFORMIDO - Comune in provincia di Udine - Friuli Venezia Giulia (7.000 abitanti)
Frazioni - Basaldella, Bressa, Villa Primavera

Campoformido è un nome che si comincia a conoscere dalle scuole elementari per quella data di tramonto che Napoleone Bonaparte fissò come mortale della Repubblica di Venezia, il 17 ottobre 1797, nella sua prima campagna italiana: un trattato con il quale cedeva il Veneto all'Austria ottenendo in cambio la Lombardia. 
Ma il luogo, se è vera l'ipotesi di una derivazione del latino, dovrebbe essere stato molto prima conosciuto per le sue caratteristiche: campus e formidus, cioè campo e terreno dal clima buono o caldo. In effetti il clima è temperato marittimo, con temperature medie poco elevate, escursioni termiche non molto accentuate, precipitazioni ben distribuite e molto frequenti durante l'anno (caratteristica della regione Friuli-Venezia Giulia). La storia documenta che Napoleone Bonaparte firmò il trattato tra i francesi e gli austriaci nella Villa Manin di Passariano e per il resto ci si deve affidare alla quotidianità della nostra storia minore: ma un po' di vanto può essere accettato, anche se non è possibile mostrare una rigorosa documentazione storica.
  
La Piazza del Trattato - Campoformido



    
Quello per cui ha piena ragione di andare orgoglioso, Campoformido lo può mostrare con sicurezza indicando le piste del suo aeroporto, diventato, questo sì, negli anni trenta del secolo scorso, leggendario. Tutt'oggi a Campoformido esiste una base dell'aeronautica militare in funzione e connessa ad esso c'è un piccolo agglomerato di case, il "Villaggio Azzurro" dove risiedono le famiglie dei militari.
Nel 1931 nasceva su questi prati, con una scuola decisamente all'avanguardia europea, la prima pattuglia acrobatica, in grado di battersi con quella, allora più famosa, di Hedon, in Inghilterra. 
Era comandata da Rino Corso Fougier e faceva parte del primo stormo di caccia nazionale. 
  
Qui sopra possiamo ammirare il monumento realizzato dall’arch. Antonio Guarnieri e dedicato alla Scuola di Acrobazia Aerea Collettiva di Campoformido è un aereo FIAT G91 PAN. E’ stato inugurato nel 2000, in occasione delle celebrazioni per il 70° anniversario della Prima Scuola di Acrobazia Aerea Collettiva e il 20° anniversario di fondazione dell’Associazione Arma Aeronautica Nucleo di Campoformido.
   
I sacrifici e le sperimentazioni accademiche di altissima perizia furono soltanto il prezzo minore di queste acrobazie entusiasmanti: più caro il costo di vite umane per questa specie di università dell'aeronautica che, dopo diverse formazioni (Cavallino rampante..., Getti tonanti..., Tigri bianche..., Diavoli rossi..., Lancieri neri) arrivò alla splendida Pattuglia Acrobatica Nazionale... meglio nota col nome di Frecce Tricolori. 
Le radici di quest'ultima squadra stanno tra il verde dei prati di Campoformido, che adesso hanno la base a Rivolto. Le Frecce Tricolori sono la pattuglia acrobatica nazionale (PAN) dell'Aeronautica Militare e costituente il 313º Gruppo Addestramento Acrobatico. 

Anche se di antiche storie c'è poco, il Comune di Campoformido può ritenersi gratificato di aver tenuto a battesimo questa tradizione.
   
Le Frecce Tricolori è uno spettacolo da non perdere

1 commento:

Marianna S. ha detto...

sempre interessante quello che scrivi... buona domenica Loris <3