mercoledì 11 gennaio 2012

LA GRANDE MURAGLIA CINESE (The Great Wall of China)






    
La grande Muraglia cinese

In cinese si chiama Chang-Gheng, che significa "il lungo muro". 
È un'antichissima ed imponente opera di fortificazione situata lungo i confini settentrionali del Paese. 
In passato raggiungeva i 6.000 km di lunghezza, ora ne restano circa 2.000. 
Ha un'altezza tra i 5 e i 10 metri ed uno spessore tale da consentire che la sua sommità fosse lastricata e percorsa da veicoli. 
Contava più di 10.000 torri e 25.000 castelli, che potevano ospitare un centinaio di soldati ciascuno.
La Muraglia inizia dalla costa a nord-est di Tientsin e procede verso nord-ovest, passando a nord di Pechino. 
Raggiunge lo Huang ho (o Fiume Gallo) e si dirige verso sud ovest, poi verso ovest, sfiorando i bordi del deserto dei Gobi.
  


   
Non fu costruita tutta in una volta, ma fu piuttosto il risultato dell'unificazione e del collegamento tra fortificazioni preesistenti risalenti ad epoche diverse. 
L'opera di coordinamento fu ordinata dall'imperatore Shin Huang Ti, primo sovrano della dinastia Ch'in e artefice dell'unità territoriale del Paese nel III secolo a.C. 
Il grandioso baluardo era volto a difendere la zona dalle invasioni dei barbari delle steppe, soprattutto la feroce tribù dei Hsiung Nu.
Un'incessante opera di consolidamento l'ha accompagnata negli anni: il restauro, avvenuto nei secoli XIV-XVII, sotto i Ming, le ha conferito l'aspetto e il percorso attuali. 
Essa attraversa un paesaggio variato, superando notevoli ostacoli naturali. 
Si dice che un tempo fosse presidiata da un milione di soldati, con un posto di guardia ogni 6 km e avesse un doppio muro interno come rinforzo. 
Ancor oggi la grande muraglia costituisce un'attrazione di grande richiamo turistico anche perché si mostra ben conservata, pur avendo perduto l'importanza militare di un tempo.
  
   

1 commento:

Marianna S. ha detto...

2000 km...una bella passeggiata :)