martedì 31 gennaio 2012

L'AMORE SUI MONUMENTI DI AQUILEIA (Love on the monuments of Aquileia)

    
Amici miei... Aquileia non è mica Pompei o Ercolano con le sue pitture, con i graffiti in quantità che incisi sulle pareti tanto ci apprendono della vita festaiola e gaudente e intima di queste due cittadine. Esse si beavano nell'incanto del golfo partenopeo e trascorrevano giorni placidi, tranquilli in cui i piacere e i divertimenti e gli amori avevano non piccola parte.
Non già che Aquileia fosse un romitorio, un monastero di cenobiti: basti dire che essa era un grande porto, e tutti mi comprendono, chè immediati si affacciano al riguardo i confronti con i porti dio mare nazionali e stranieri e con la loro meno buona fama, ma i problemi che nella città fortificata si presentavano agli abitanti, qui in prossimità dei confini e delle minacce che esse troppo spesso in sé contenevano o preannunziavano imponevano ovviamente un altro tenore di vita, più serio, più controllato. 

Con ciò non voglio mica asserire che fra i monumenti di Aquileia difettino in modo assoluto quelli espressivi sia dell'amore eternato dall'arte nei miti sia di quello reale cioè veramente vissuto da creature umane. 
Prendo dunque, l'avvio dall'amore mitico additando qualche esempio di nobiltà squisita in una piena dedizione e toccante devozione di esseri mitici umanizzati. 
Sono due pezzi di scultura che richiamano creazioni soavi e gentili del mondo antico della fiaba. 
  
Amore e Psiche che si baciano
    
Ecco qui il gruppo marmoreo, un po' malconcio ma gli altri marmi di Aquileia con lo stesso soggetto non eccellono per conservazione migliore, di Amore e Psiche che affettuosamente e insieme puramente si baciano e si abbracciano. 
Non c'è nel gruppo nulla della commovente storia dei due amanti quale è deliziosamente sviluppata nel romanzo LE METAMORFOSI dell'africano Apuleio, romanzo che più comunemente, ancorché meno esattamente, va sotto il nome de L'ASINO D'ORO. 

Ma ritornando al marmo mi piace ripetere che il bacio delle due creature è più pieno di grazia e di casti sensi; infatti i loro corpi sono staccati, non si toccano, i due innamorati sono spiritualmente non carnalmente uniti. 
E qui mi sia consentita una digressione. 
La cultura in esame cioè mi trae a rammentare la partecipazione di matrimonio che un amico archeologo ebbe a mandarmi qualche decennio fa. 
Essa diceva... "Eros et Psiche nos coniunxerunt" . Cioè queste nostre nozze sono dovute all'Amore e alla Psiche, dunque non solo all'attrazione fisica reciproca poiché se l'amore, e così lo celebra anche il "Convito" di Platone, è desiderio delle cose belle, esso non può esaurirsi nella materialità ma deve elevarsi fino al bello spirituale assoluto che è splendore duraturo, eterno di ogni perfezione. 
Questo voleva significare la frase riferita onde anche Psiche li aveva uniti, ossia l'anima in una reciproca comprensione, in un'intesa concorde forgiata dallo spirito la quale sola può garantire la vera felicità. 

Un altro bassorilievo ancora mi ha stupito vivamente attratto qui al Museo di Aquileia. 
E' quello di un sarcofago che come dalla breve epigrafe sul listello di uno dei fianchi celebrava il bel mito di Admeto e Alcesti. 
La fiaba la credo troppo nota perché io abbia a dilungarmi onde mi limito a brevi cenni. 
L'oracolo di Delfo con un suo responso ha predetto che il re Admeto dovrà morire entro tre giorni se non trova qualcuno disposto a sostituirsi a lui, pronto a sacrificarsi per lui. 

Ma né congiunti né amici, né cittadini né schiavi, e nemmeno i suoi già vecchi genitori si mostrano inclini a rinunziare alla vita, cui tutti si rivelano attaccatissimi, al fine di garantire la continuazione dell'esistenza di Admeto.
Non così Alcesti, la fedele, devota sua giovane sposa. Qui essa, a sinistra del riguardante ritta in piedi, in atteggiamento di mestizia, come anche dal peplo tratto sul capo e dalla mano portata al mento, semplice e raccolta, si accomiata dal mondo dei vivi per il bene, per l'avvenire del suo sposo regale reprimendo il santo affetto che essa sente per le sue due creature. 
Di fronte a lei, a destra, Ermes, psicopompo, deputato dunque ad accompagnare le anime nel mondo di là, che con gesto misurato, ma chiaro e manifesto indica ad Alcesti di seguirlo ormai nel gran viaggio da cui non vi ha più ritorno, viaggio che lo porterà dalla gioconda luce del sole al regno delle tenebre, al mondo delle ombre inconsolabilmente tristi, come anche dal noto rimpianto che esprime Achille nell'incontro con Ulisse disceso nell'Ade. 
Euripide nella sua famosa tragedia "Alcesti" immagina poi, di fronte a sì iniquo destino e all'immenso spirito di sacrificio di quella sposa ideale, che Eracle il gran benefattore in fondo dell'umanità come dalle fatiche da lui sostenute, riesca indi a strappare Alcesti alla morte, all'Averno e a ricondurla al marito, ai figli, a quella luce di cui tutti siamo avidi e che è grande coefficiente della gioia del vivere.
  
STATUA DI AFRODITE - I secolo d.C.
Museo Archeologico Nazionale 
Aquileia
   
^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ 

Ho qui sul mio tavolo un frammentino di cotto, oh... una cosa apparentemente da nulla, raccolta da un mio amico aquileiese, al quale nel suo attento girovagare per i campi da agricoltore appassionato e intelligente quale egli è, nessuna anticaglia sfugge, anche se frammista alla terra, poiché egli rivela in materia un occhio esercitatissimo ed acutissimo. 

Non vi rimangono che due volti, cioè quello di un satirello riconoscibili come tale dalle orecchie puntute e dalla corona di edera in testa, ed il visino di una ninfa. 
Infatti l'amore dei satiri e di tutta la famiglia relativa si svolgeva essenzialmente alle ninfe che essi rincorrevano e inseguivano per le foreste, su per i monti e per i prati. 
Ecco, egli l'ha raggiunta, l'ha stretta fra le sue braccia, ed ella si lascia stringere come appare dal bacio ardente che suggella le loro bocche. 
Il piccolo gruppo è modellato con cura. Il formatore è giunto a rendere lo struggente amore di questi esseri che la fantasia ellenica voleva viventi o, meglio, vaganti in una libertà assoluta a godersi la natura sì ma anche a sollazzarsi nel gaudio quasi selvaggio delle loro avventure amorose.
  
Donna e la sua anima - Museo Archeologico Nazionale Aquileia
   
^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ 

Si fa qui ammirare - e la osservano con vivo compiacimento i tanti visitatori del Museo - la elegantissima "Julia Donace, la conturbernalis", cioè la compagna o l'amica di Quinto Cerrinio Corinto. 
Egli la volle effigiata sul fianco della grande ara funeraria da lui dedicata in primo luogo al suo patrono, un legionario defunto in Aquileia. 
Nel simpatico bassorilievo la gentile figura dell'amica è quasi integra, anche se ha sofferto un po' nella boccuccia che un malaccorto restauro ha ancor più alterato. 
Il vedovato amante ha voluto che lo scultore gli rappresentasse la sua diletta come egli era solito vederla ogni giorno, piena di attrattiva nel suo vestire semplice ma di schietto buon gusto che ne fasciava la maliosa figura mettendo in risalto le belle forme; l'acconciatura poi è civettuola a onde e con un filare di riccioletti che le recinge a mo' di corona la fronte mentre due ricci maggiori scendono ai lati delle orecchie e la massa dei capelli si raccoglie in una treccia pendula sulla nuca. 
Una mano, la sinistra, con gesto convenzionale solleva un lembo della gonna, l'altra non poteva restare inerte, né si poteva farle tenere la mela come si vede spesso in quelle figure che rappresentano donne regolarmente coniugate. 
Ed allora ecco il ventaglio rotondo nella destra alzata, ventaglio di sapore moderno, che le avrà tenuto compagnia nelle sue passeggiate estive in sulla sera lungo i portici colonnati del Foro di Aquileia - una specie di "Procuratie" avanti lettera - a godersi la ricca esposizione dei gioielli, delle gemme, delle meraviglie che le botteghe all'insegna della città di Roma come da un "negotiator margaritarum" cioè di prole, "ab Roma", città fastose orientali mettevano in bella mostra. 

Ho lasciato per ultimo un monumento senza pregi artistici di sorta, esso infatti recava la sola iscrizione con l'espressa indicazione però che la dedica era fatta alle deità dei trapassati. 
Eppure io penso che principalmente per il testo dell'epigrafe che deve essere tanto piaciuto, qualche amatore si sia quasi innamorato del monumento al punto da portarselo via sì che non abbiamo la minima idea dove esso sia finito, dove cioè si trovi oggi. 
L'ultima notizia infatti che ne resta è del 17° secolo. 

Trascrivo anzitutto il testo della lapide da datarsi al 1° o 2° secolo dell'impero romano. 

"ANICIA P. L. GLVCERA, fui. Dixi de vita mea satis fui provata quae viro placui bono qui me ab imo ordine ad summum perduxit honorem". 

Parafrasiamo queste parole che si direbbero sgorgate e dettate invero dal cuore. 

"Io sono stata Anicia Glucera - Glucera è vocabolo greco e significa Dolce, Soave - ché ora non lo sono più. Ma per quel che concerne la mia vita terrena posso dire schiettamente di essere vissuta abbastanza, essendo stata apprezzata altamente dal mio buon marito che mi volle tanto bene e cui tanto piacqui. Egli infatti mi trasse dall'infima condizione sociale in cui mi trovavo - parole che stanno a significare che ella era nata schiava, come è attestato del resto pure dal nome greco - onorandomi in massimo grado con l'introdurmi nell'illustre e celebre famiglia degli Anicii". 

Gli Anicii sono cioè documentati anche da altre epigrafi aquileiesi e la loro gente si sarebbe elevata, anche per sensi di fede, su tante altre agli inizi del Cristianesimo. 

Fra le numerose lapidi sepolcrali di Aquileia antica è questa una delle più sentite e più affettuose che ci sia stata tramandata: per essa dopo duemila anni Anicia Glucera, la sposa fedele, che io immagino bella e soffusa di grazia, vive ancora nei cuori di quanti, uomini e donne sono sposi fedeli, devoti, onde il "jugum dilectionis", il giogo, come dice la Chiesa, dell'amore, diviene lieve, giocondo, trasformandosi in un nodo di felicità perenne. 

^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ 

Ed infine a mo' di appendice un singolare monumento aquileiesi. 
Esso ci ricorda certo Albio Vitale che appare in bassorilievo, togato sul fianco destro dell'ara. 
Sennonché egli era uno scapolo impenitente e il sepolcro gli è stato dedicato da un amico il quale non sapendo, come riempire, cioè che cosa raffigurare sull'altro fianco del monumento poiché il nostro signor Vitale non aveva né moglie né amiche, pensò bene di metterci una danzatrice orgiastica che come tale rientra nel ciclo di Dionisio Zagreo, il dio dei vivi e dei morti, onde la figura vuole rendere le gioie che si aspettano gli eletti nell'al di là. 
L'idea della morte è significata da lei con delle spighe che ella tiene nella destra alzata. 
Il papavero infatti è simbolo del sonno e quindi della morte ed altrettanto vale per le spighe che ci rapportano Demetra, la dea delle biade, e a Proserpina, simboli di tutto ciò che cresce e insieme muore nella natura con l'annuale vicenda delle stagioni.
  
Museo Archeologico Nazionale di Aquileia

Nessun commento: