martedì 20 marzo 2012

WALTER ADOLPH GROPIUS - Architetto, designer e urbanista tedesco


    
Walter Adolph Gropius (Berlino, 18 maggio 1883 – Boston, 5 luglio 1969) è stato un architetto, designer e urbanista tedesco.
Assieme a Le Corbusier, Frank Lloyd Wright, Alvar Aalto e Ludwig Mies van der Rohe è stato uno dei maestri del Movimento Moderno in architettura.
Assistente di Behrens dal 1907 al 1910, in quegli anni iniziò a lavorare autonomamente, ottenendo ampi riconoscimenti. Dopo la fine della prima guerra mondiale, venne invitato ad assumere la direzione di due importanti istituti di architettura di Weimar, che vennero successivamente fusi in un'unica sede: la Staatliches Bauhaus.
  
La sede del Bauhaus a Dessau - Sassonia-Anhalt, in Germania


    
L'impostazione data da Gropius alla sua scuola si evidenziò subito per modernità e serietà di prospettive, che intendevano coinvolgere la situazione dell'insegnamento e dell'arte nell'ambito più vasto delle funzioni sociali. Alla Bauhaus vennero invitati, con incarichi di insegnamento, gli artisti e gli operatori culturali più notevoli della cultura tedesca di quel momento, tra i quali Kandinskij, Breuer, Moholy-Nagy, Van Doesburg Mondrian, Piscator.
Nel 1925 a seguito di contrasti con il Governo regionale della Turingia, la Bauhaus dovette essere trasferita a Dessau e nel 1929 Gropius decise di dimettersi dalla direzione per dedicarsi alla libera professione.
  
Harvard University - Cambridge Massachusetts


    
Nel 1934, perseguitato dal Governo nazista, fu costretto a rifugiarsi in Gran Bretagna, dove rimase fino al 1937, lavorando in stretta collaborazione con l'architetto Fry.
Successivamente venne chiamato negli Stati Uniti, dove insegnò all'Harvard University fino al 1953.
Negli Stati Uniti riprese la sua collaborazione con Breuer, dedicandosi soprattutto all'ipotesi di realizzazione della grande abitazione collettiva, e contemporaneamente alla ricerca di un metodo per l'educazione all'arte. Rifiutando ogni ipotesi idealistica della creazione artistica Gropius nega che l'artista possa agire in nome di sensazioni o di idee astratte, poiché i valori e le ragioni di esistere dell'arte, nell'attuale società, vanno ricercate nella sua utilità o “funzionalità”: un oggetto d'arte è valido non in quanto tale, ma in quanto si offre come metodo di costruzione, e come chiave di comprensione della sua funzione. Essendo la nostra l'epoca della meccanizzazione, l'arte deve offrire all'uomo la possibilità di non perdere la coscienza del proprio lavoro. Il significato e la validità del lavoro artigianale devono essere recuperati.
  
Design della scuola di Gropius
   
Per il grande architetto, dunque, il vero problema era quello di “... evitare la schiavitù dell'uomo da parte della macchina. Ciò significa progettare prodotti ed edifici specificatamente studiati per la produzione industriale...”.
Per realizzare queste intenzioni, Gropius, partendo dall'analisi razionale dei bisogni sociali, ricercò la forma funzionale e il più possibile priva di spreco adatta a soddisfarli. L'arte deve essere anche un modo per far capire all'uomo il tipo di organizzazione da lui impresso alla natura. Non è un dono innato, ma metodo per costruire. Un metodo che a tutti è dato di imparare attraverso lo studio e l'applicazione. È razionale ed internazionale. Va quindi ricordata l'organizzazione data alla scuola, tutta basata sulla sperimentazione e sull'apprendimento delle tecniche più svariate nella lavorazione dei materiali: dalla tessitura all'ebanisteria, dalla ceramica agli esperimenti sulla natura del colore, all'uso delle tecniche più avanzate di progettazione e di produzione.
  
Bauhaus University Weimar


    
Il clima di internazionalismo e di fecondo scambio che si era venuto a creare intorno a Gropius, per l'intervento di personalità notevolissime, venne spazzato via con il nazionalismo nazista e Gropius fu costretto all'esilio. Anche dopo questa esperienza la sua architettura rimase fedele e coerente ai principi, tentando di risolvere i problemi della casa minima, che deve assolvere in modo massimamente funzionale ai problemi dell'uomo moderno.
Le sue architetture, fatte di materiali e prodotti in serie, si basano sulla composizione di piani semplici, di superfici che delimitano volumi variamente incastrati. Alcune facciate delle realizzazioni di Gropius ricordano il Neoplasticismo di Mondrian, ma hanno indubbiamente molti elementi in comune con il Cubismo, al quale l'architetto aderì, nelle sue formulazioni teoriche, nell'intento di fare dell'arte un discorso in termini scientifici ed oggettivi.
  
Walter Gropius House a Lincoln, Massachusetts


   
Tra gli scritti più importanti di Gropius ricordo:

Concetto e costituzione della Bauhaus di Weimar (1923)
Gli edifici della Bauhaus a Dessau (1928)

5 commenti:

Marianna S. ha detto...

la poltrona è veramente carina :)
ciao splendido!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

TheSweetColours ha detto...

bella la poltrona!

Anonimo ha detto...

Way cool! Some very valid points! I appreciate you penning this post plus the rest of
the site is really good.

Check out my weblog :: weekly diet plan

Anonimo ha detto...

Thank you for the auspicious writeup. It in fact was a amusement account it.
Look advanced to morre added agreeable from you! However, how ccan we communicate?


Stop by my web-site ... fifa 14 coins Generator

Anonimo ha detto...

Wonderful, what a blog it is! This web site presents useful information to us, keep it up.



Feel free to surf to my weblog - Rashmi Patel DDS