sabato 14 aprile 2012

LA TRANSIBERIANA (Trans-Siberian Railway)


   
LA TRANSIBERIANA

La valorizzazione della Russia asiatica e, in particolare, della Siberia, ha sempre urtato contro il grande ostacolo delle comunicazioni. Le strade sono di difficile manutenzione e i fiumi sono navigabili sono per limitati periodi dell'anno. Vie maestre per il commercio rimangono, quindi, le ferrovie, soprattutto la Transiberiana, la linea ferroviaria più lunga del mondo, oggi tutta elettrificata e a doppio binario, che va da Mosca a Vladivostòk, sul Pacifico, con un percorso di 9280 km...., da essa si staccano importanti diramazioni che collegano la Siberia con il Turchestan, con la Mongolia e con la Cina.
  


    
La Transiberiana, ripeto, la più lunga ferrovia del mondo, è in esercizio dal 1904. 
Nel 1891, quando se ne iniziò la costruzione, la Siberia era sfruttata unicamente per l'estrazione dell'oro ed era tristemente nota come terra di deportazione. Attraversarla, significava avventurarsi in una impresa temeraria, che poteva durare mesi e mesi e imponeva lunghi tratti di navigazione sui fiumi e pericolosi attraversamenti di paludi e di foreste popolate da una fauna selvaggia e infestate da miriadi di insetti.
  


    
Anche a ferrovia ultimata, il viaggio da Mosca a Vladivostòk, sui primi treni, rimase un'avventura: un convoglio sbuffante, rimorchiato da pittoresche locomotive provviste di un monumentale schiaccia-sassi per spianare i possibili ostacoli, procedeva sferragliando su una strada priva di massicciata, superando burroni e fiumi su ponti di legno e punteggiando il suo pesante incedere col suono arrochito di una sirena simile a quella delle navi.
  


   
Solamente nel 1928, iniziata la valorizzazione delle risorse della Siberia, anche la ferrovia ricevette un impulso e un ammodernamento adeguati.
Oggi una fitta maglia di binari la collega con tutti i grossi centri della Russia asiatica, cosicchè la Transiberiana non è più semplicemente una linea ferroviaria, ma è l'asse principale di un vero e proprio sistema ferroviario, lungo il quale corrono giorno e notte convogli carichi di merci e veloci treni passeggeri a trazione elettrica.