sabato 5 gennaio 2013

LA CATTEDRALE DI CHARTRES (Chartres Cathedral) - Jean-Baptiste-Camille COROT


    

LA CATTEDRALE DI CHARTRES

La cattedrale Notre-Dame de Chartres, chiesa cattedrale consacrata alla Vergine (Notre-Dame), sita a Chartres nel nordovest della Francia (a 95 Km a sud-ovest di Parigi), è il più celebre monumento della cittadina ed è considerata uno degli edifici religiosi più importanti del mondo ed uno dei più perfetti edifici gotici.
A causa di un tremendo incendio che la distrusse parzialmente nel 1194, lasciando intatti solamente la cripta, le torri e la facciata occidentale, la cattedrale di Chartres venne riedificata prima del 1210 e quindi consacrata nel 1260 con una solenne cerimonia.
Il primitivo progetto della struttura religiosa, uno degli esempi più alti di architettura gotica, prevedeva la costruzione anche di sette torri mai edificate…, una delle particolarità, la decorazione del portale che risulta essere uno dei più interessanti esempi di scultura gotica: nella lunetta è la “Glorificazione della Vergine” e lungo gli strombi una varietà di personaggi biblici strettamente legati alla struttura architettonica, così come era nella tradizione romanica, legame questo spezzato nelle sculture dei portali del transetto.
Completano la decorazione le bellissime vetrate.

         

 LA CATTEDRALE DI CHARTRES (1830)
Jean-Baptiste-Camille COROT (1796 – 1875)
Museo del Louvre a Parigi
Tela cm 65 x 50
       
Poco dopo il suo ritorno in Francia dal viaggio italiano, a seguito della Rivoluzione del 1830, Jean-Baptiste-Camille si rifugiò a Chartres in compagnia dell'amico Poirot.
Nel corso di questo soggiorno l'artista eseguì un nutrito gruppo di paesaggi che raffigurano i luoghi più significativi della bella città francese.
Fra i monumenti che attirano il suo interesse è la cattedrale gotica.

La celebre opera architettonica è colta da lontano, le alte guglie si stagliano contro il cielo nuvoloso e fa da sfondo un paesaggio popolato da pochi passanti; un giovane è seduto su una roccia e una fanciulla è appoggiata su un cumulo di pietre.
Un leggero alito di vento investe il paesaggio, scuotendo gli esili alberelli sulla piccola collina.
È uno scorcio di realtà urbana, inconsueta nella pittura di Corot che in questo caso rinuncia al sentimento romantico a favore di una visione più diretta e più prossima alla realtà.
Il riferimento più immediato è la pittura di Constable, molto noto a Parigi dopo la retrospettiva allestita nella capitale nel 1824.
Corot si ispirò più volte alla cattedrale di Chartres, ma è questa versione che Proust evoca ne “Un amore di Swann” quando parla del gusto della nonna per le belle cose.

Questa opera di Corot, LA CATTEDRALE DI CHARLES, venne venduta nel 1872 all'artista A. Robaut che non solo tagliò lungo i bordi la tela ma ritoccò anche la figura maschile seduta sulla roccia in primo piano.
Due anni dopo comparve nella Collezione Dutilleux e nel 1887 venne acquistata dalla Galleria Braure nel corso della vendita Lolley-Bauginaux.
Nel 1906 Moreau-Nélaton la donò ai musei nazionali ed esposta dapprima al Musée d'Art Décoratifs, venne poi trasferita nel 1934 al Louvre.
   
 Pianta della cattedrale Notre-Dame de Chartres (1190)

     
La cattedrale Notre-Dame de Chartres com'è oggi


1 commento: