lunedì 21 gennaio 2013

SIERRA NEVADA – Andalusia, Spagna


Sierra Nevada





   
Estensione dell’area protetta: 86.208 ha
Area di riserva e parco naturale: 171.985 ha

Il territorio più meridionale ad ospitare dei ghiacciai in Europa si trova nella penisola iberica ed è la Sierra Nevada; il Mulhacén, la sua cima più alta, raggiunge i 3.482 metri.

La parte centrale della catena, che corre approssimativamente da est a ovest per oltre 80 chilometri, ospita circa una cinquantina di laghi freddissimi ed è composta da un misto di scisto e gneiss, modellato da circhi glaciali e morene.
   
Vegetazione della Sierra Nevada


    
Sulla Sierra Nevada si trovano tutte le tipologie della flora iberica. Nelle zone più basse cresce rigogliosa la vegetazione mediterranea, e man mano che si sale le varietà cambiano fino a trovare, alle quote superiori a 2.000 metri, il classico ambiente alpino.

In questo paradiso abbondano varietà uniche che derivano da specie primitive, già presenti nella regione all’epoca del ritiro dei ghiacciai.
  
Saxifraga nevadensis



   
Tra i pendii pietrosi e giardini di rocce naturali vi sono 78 specie di piante vascolari tra cui gemme come la Saxifraga nevadensis, la linaiola glaciale e la viola crassicula.

Sulle pendici più elevate si riscontrano alti livelli di endemismo anche tra gli invertebrati, per la maggior parte sono coleotteri, ma vi sono anche cavallette e grilli.
  
Sordone


    
La Sierra Nevada, che dal 1999 accoglie il più esteso parco nazionale spagnolo, ospita inoltre arvicole delle nevi (è il luogo più a sud a ospitare questa varietà), un’enorme popolazione di stambecchi spagnoli, una rarissima enclave di sordoni e un totale di 124 specie di farfalle.
   



  

Picco Veleta con la Vergine delle nevi
  
La vetta Alcazaba
  
Plantago nivalis


   

Nessun commento: