domenica 17 febbraio 2013

CUZCO, centro del mondo Inca (Center of the Inca world)

Chiesa di Santo Domingo, eretta sulle fondamenta del Coricancha, Tempio del Sole

    
   Cuzco, centro del mondo inca

Cuzco, a 3400 metri, ha oggi poco meno di 350.000 abitanti, è distesa in una conca verdeggiante ed è il vero ombelico del Tahuantisuyu, l'Impero delle Quattro Parti. Di origini leggendarie e discusse, che hanno permesso le più svariate e spesso affascinanti ipotesi, una piccola tribù guidata da un gruppo guerriero ed espansionista creò, dal XII aI XIV secolo, una dinastia capace di conquistare con straordinaria rapidità un territorio immenso: capacità forse dovuta proprio a quel carattere militare che aveva sviluppato unitamente allo stato per resistere agli attacchi delle bellicose tribù circostanti. Cusi Yupanqui, che si proclamò Pachacutec, il Trasformatore, attorno alla prima metà del XV secolo, fu il vero fondatore dell'Impero, avviando un rapidissimo processo di coinvolgimento delle tribù, di volta in volta vinte, per ulteriori e sempre più vaste conquiste.
   
Panorama di Cuzco


    
Al culmine del suo splendore, Cuzco aveva 300.000 abitanti, e ancora oggi le sue mura racchiudono la più vasta testimonianza della civiltà andina scomparsa.
  
La Cattedrale di Cuzco


      
La Cattedrale, costruita agli inizi del Seicento, sorge sulle rovine del palazzo di Viracocha Inca
   
Pietra dei dodici angoli



   
In Calle del Triunfo, nei pressi, si può vedere il muro con la famosa pietra dei dodici angoli, perfettamente incastrata senza nessuna fessura, simbolo della tecnologia incaica. 
  
 Palacio de los Marqueses de Buena Vista
  
Dopo due isolati si raggiunge il palazzo dell'Arcivescovo (o Palacio de los Marqueses de Buena Vista), che ospita il Museo de Arte Religioso con importanti raccolte di epoca coloniale. Qui sorgeva l'antico tempio di Inca Roca, datato agli inizi del XIV secolo.
  
Callejòn Loreto




     
In Callejòn Loreto sono visibili i resti delle mura delle "case delle vergini", quella del Sole e il palazzo dei Serpenti (Amarucancha).
   
San Domingo


   
Santo Domingo è forse il luogo di più forte suggestione: la chiesa è costruita infatti sulle fondamenta del più importante tempio del Sole del Tahuantisuyu, il Coricancha. Qui erano conservate le mummie degli Incas e qui i superstiti cristianizzati della famiglia imperiale ebbero la propria cappella fino al XVIII secolo.
  
Iglesia de La Compañía de Jesús (Compagnia di Gesù)


    
Interessante esempio di architettura coloniale è la chiesa dei Gesuiti, che conserva un dipinto di grande interesse storico: rappresenta, infatti, il matrimonio, avvenuto a Madrid nel 1611, tra l'ereditiera Ana Maria Lorenzo Coya de Loyola e Juan Enriquez de Borja. Sono ritratti anche i genitori della sposa, Martin Garcia de Loyola, della famiglia del fondatore della Compagnia di Gesù che aveva catturato l'ultimo Inca, Tupac Amaru - ma che era caduto nel 1598 combattendo contro gli araucani, fornendo cosi il proprio cranio come coppa a un capotribù - e la madre, la principessa inca Beatriz Clara Coya. Al centro vi sono i santi gesuiti lgnazio, prozio del padre della sposa, e Francisco de Borja, nonno dello sposo. Sullo sfondo stanno assisi il nonno e il prozio della sposa: l'Inca Diego Sayri Tupac e Tupac Amaru.
  
Calle Manta - La Merced


    
In Calle Manta vi è la Merced, costruita nel 1534, nei primissimi anni della conquista. Nel museo è esposto un favoloso ostensorio d'oro di venti chili di peso con 615 perle e 1550 diamanti e rubini incastonati.

Mezzo secolo fa vi sono state scoperte le tombe di Gonzalo Pizarro e Diego de Almagro, due conquistadores dal tragico destino, giacché finirono ambedue per mano del boia. 
  
Arco Santa Clara
   
Iglesia de San Pedro



  
Nuestra Señora de Belén (Los Santos Reyes)
   
Altre chiese di interesse sono Santa Clara, San Pedro e Nuestra Señora de Belén (Los Santos Reyes).
  
Chiostro interno del museo archeologico pre-colombiano



     
Il museo archeologico espone ceramiche, oreficerie, stoffe precolombiane e pitture spagnole, oltre a mappe di Sacsahuaman, Pisac e Machu Picchu.
  
Plaza de Armas de Cuzco





    
Mappa di Cuzco


  
VEDI ANCHE . . .

Nessun commento: