giovedì 21 marzo 2013

OSTERIA DELLA VILLETTA - Palazzolo sull'Oglio (Brescia)

Palazzolo sull’Oglio
   
Se vi trovate a passare nei pressi di Palazzolo sull’Oglio, un bel comune in provincia di Brescia  attraversato dal fiume Oglio, non potete rinunciare a gustare le specialità del luogo in questa accogliente osteria ultracentenaria gestita da una famiglia del posto che ben conosce le tradizioni culinarie bresciane.

       
Osteria Della Villetta


    
Essendo l’osteria vicinissima al lago d’Iseo, il pesce offerto è eccellente e sempre freschissimo, così come lo è la  carne che viene acquistata al tradizionale mercato del bestiame di Rovato.

L’osteria è composta da tre sale arredate in modo sobrio con tavoli e sedie di legno scuro, ovunque vecchi oggetti e lampadari d’epoca e alle pareti manifesti antichi ci ricordano l’età del locale  creando un’atmosfera particolarmente calda.
  
Tradizione dal 1900


  
Sono andato molto spesso con amici in questo posto e posso dire di aver assaggiato oramai ogni cosa, tranne la trippa alla bresciana, che comunque mi hanno assicurato essere ottima, i rognoni trifolati e le cervella fritte.
   
Bollicine di Franciacorta
    
Alla Villetta l’antipasto viene servito con un flute di bollicine della vicina Franciacorta, terra di vini eccellenti che accompagna i salumi artigianali tra cui una pancetta che letteralmente si scioglie in bocca.
   
Trippa alla bresciana
      
I primi sono un tributo alla cucina contadina: l’orzo con salsiccia e verza e poi mantecato col parmigiano, la zuppa di cipolle, di fagioli o di altri ortaggi di stagione, gli gnocchi di patate con pomodoro e basilico, il riso saltato con verdure, lasagne con ragù bianco, le mie preferite, e come dicevo prima, la trippa alla bresciana.
  

                          
I secondi di pesce e di carne: la frittura di pesci di lago, leggerissima, le sarde di lago con le cipolle o altro pescato cucinato secondo la stagione, il pesce in carpione, l’arrosto di vitello in salsa tonnata, i vari bolliti compresi il cotechino nostrano e la lingua salmistrata di una bontà unica, naturalmente il tutto accompagnato dalle varie salse, e che dire del trittico della casa, a partire dalle oramai mitiche polpette, al guanciale con peperonata e all’involtino di verza, un manzo all’olio saporitissimo e molto tenero, anche questo piatto tipico della zona, naturalmente come già detto per chi volesse togliersi lo sfizio di assaggiare piatti oramai dimenticati della cultura contadina, potrà assaggiare i rognoni trifolati e le cervella fritte, io non ne ho avuto il coraggio. E per contorno, oltre alla solita verdura di stagione e patate che invece non conoscono stagione, vi serviranno una giardiniera di verdure a dir poco eccezionale. 
   
Manzo all'olio




    
A fine pasto viene portato al tavolo un tagliere colmo di formaggi: quartirolo, stracchino, robiola, caprini, taleggio e il Bagòss, un formaggio a pasta cruda che viene prodotto solamente a Bagolino, un piccolo comune della val Sabbia
  
Bagoss 
  
Per i dolci il discorso non cambia, tradizione e ancora tradizione, ecco allora la classica torta di pere, le pesche con gli amaretti, la torta alle mandorle, le crostate con la frutta di stagione e un budino al cioccolato fondente deliziosamente cremoso.
  
Torta di pere
  
La carta dei vini è molto ampia, io generalmente prediligo gli spumanti locali a tutto pasto, so che non si dovrebbe fare, ma che vi devo dire, mi piacciono troppo.  Naturalmente si può scegliere di accompagnare le portate con i vini che più si addicono ad ogni portata, buonissimo il Tocai Friulano, ottimi anche il Barolo e il Barbaresco.

E se per caso si è bevuto troppo, specialmente dopo la degustazione di grappe,  e guidare diventa imprudente, l’osteria dispone anche di cinque camere, ma non so dirvi altro perché non le ho viste.

L’accoglienza e il servizio sono all’altezza di quello che ci si aspetterebbe da un ristorante che nel 2008 è stato valutato dal Gambero Rosso con 3 gamberi.

Le portate non sono abbondantissime ma essendo il cibo piuttosto sostanzioso a me vanno bene così.

Il costo di un pranzo o una cena con, antipasto, primo, secondo con contorno e dolce, si aggira  sui 35-40 euro vini esclusi.
Per una cena un po’ più importante con vari assaggi e alcune bottiglie di vino si arriva a spendere 80-85 euro a persona, certamente non economico, ma vi garantisco che la qualità è molto alta.
Naturalmente è consigliata la prenotazione.


Alcune informazioni utili:

Indirizzo: Via Marconi, 104
Tel. 030 7401899
Chiuso: domenica, lunedì e martedì sera.
Orario: mezzogiorno dalle 12 alle 15 e sera dalle 19:30 alle 24
Carte di credito: Visa, Bancomat
Parcheggio
Il locale è accessibile ai disabili.



Nessun commento: