domenica 14 aprile 2013

ACROPOLI DI ATENE - Il Partenone e altre opere (Acropolis of Athens - The Parthenon and other works)

L'Acropoli di Atene



   
Per acropoli si intende una parte elevata e fortificata, centro monumentale e spirituale delle antiche città greche. Il sostantivo, di origine greca, significa "città alta" e assunse in seguito il significato di "cittadella, fortezza e baluardo", poiché i presidi delle città erano di solito eretti su alture. Sulle acropoli sorgevano anche i templi consacrati agli dei, le abitazioni dei sacerdoti e gli edifici di culto.

L'acropoli più celebre è quella di Atene, situata su una imponente collina che domina maestosamente la città. Le pendici della collina erano già abitate nel II millennio a.C., come testimoniano alcuni ritrovamenti di un Palazzo Reale e di luoghi di culto. 

Nel VII secolo a.C. venne costruito il Tempio di Atena, detto Hekatònpedon (in greco: "lungo 100 piedi").
  
Partenone di Atene


   
Sotto Clistene venne costruito un tempio dorico, il primo Partenone, sempre dedicato ad Atena e situato a sud del precedente. La costruzione fu interrotta dall'invasione persiana che distrusse gran parte degli edifici. I lavori di ricostruzione incominciarono durante l'età di Pericle (447-432 a.C.), quando l'Acropoli visse il suo periodo di maggior splendore; venne costruito infatti il nuovo Partenone, ad opera di grandi artisti quali lctino, Callicrate e Fidia.
  
 Propilei

  
Tempietto di Atena Nike


   
Furono inoltre eretti i Propilei (opera di Mnesicle) e il tempietto di Atena Nike (a sud dei Propilei).
   
Eretteo  
   
Filocle costruì (421-406 a.C.), sul luogo dell'antico Hekatònpedon, l'Eretteo. 
  
L'Atena Lemnia era una delle tre statue nell'Acropoli di Atene dedicate alla dea della saggezza Atena realizzate da Fidia nel V secolo a.C.. Si ergeva su un piedistallo all'aperto ed era considerata la più bella opera dello scultore. L'originale bronzeo di Fidia, eseguito tra il 451 e il 448 a.C. per gli Ateniesi che erano andati come cleruchi, cioè come coloni, ad abitare l'isola di Lemno, è noto soltanto da pochissime repliche in marmo di età romana, alle quali vanno aggiunte la testa rinvenuta nei pressi del Rione Terra a Pozzuoli e la Testa Palagi a Bologna, quest’ultima ritenuta dagli studiosi la più fedele all'originale.
Questa copia di Atena Lemnia si  trova nello Staatliche Museum, Albertinum, Dresda

   
I più grandi scultori crearono statue per adornare il pianoro: Fidia scolpì l'Atena Lemnia e l'Atena Pròmachos, entrambe opere bronzee, Mirone realizzò la statua di Perseo e il gruppo di Atena e Marsia
  
Il teatro di Dioniso è situato presso l'acropoli di Atene ed è il più antico teatro stabile di tutto il mondo classico[senza fonte]. Fu utilizzato dai più importanti autori di teatro greci (Eschilo, Sofocle ed Euripide per la tragedia, Aristofane e Menandro per la commedia), che mettevano in scena i loro testi in occasione delle festività dedicate a Dioniso, dio del teatro. Venne costruito agli inizi del V secolo a.C. a ridosso del santuario di Dioniso. Accanto all'ingresso sorgeva l'Odeo di Pericle.


    
Ai tempi di Licurgo sorse il teatro di Dioniso (V-IV secolo a.C.) con le statue in bronzo dei grandi tragici. Numerose statue e parti dell'acropoli, tra le quali le famose sculture frontali del Partenone, furono trasportate, all'inizio del XIX secolo, al British Museum di Londra e al Louvre di Parigi, dove sono tutt'oggi conservate.
  













Nessun commento: