lunedì 8 aprile 2013

VISITA A BERLINO - Visit to Berlin

Duomo di Berlino



   
Berlino è una delle città più importanti d'Europa

Capitale della Germania dal 1871 al 1945, poi soggetta a un governo quadripartito americano, inglese, francese e sovietico sino al 1948. In quell'anno venne divisa in due settori, occidentale e orientale; quest'ultimo divenne Capitale della Repubblica Democratica Tedesca dal 1949 al 1990. Fra il 1961 e il 1989 fu divisa da un muro in un settore occidentale e un settore orientale. Nel 1991, dopo l'abbattimento del muro, il governo della Germania riunificata decideva di riportare la capitale a Berlino.



La difficile situazione della divisione ha provocato una forte diminuzione degli abitanti del settore est negli anni che vanno dal 1945 al 1961. Uscita faticosamente dalla seconda guerra mondiale, Berlino è stata ricostruita nella sua parte occidentale secondo i canoni urbanistici di una moderna metropoli. A est la ricostruzione è stata più lenta e si è ispirata all'architettura socialista.  

Opera di Stato - Berlino


   
Università di Berlino - Facoltà di scienze politiche e sociali 
    
Chiesa di Sant'Edvige
    
Palazzo della Nuova Guardia  
    
L'Opera di Stato..., l'Università..., la chiesa di Sant'Edvige..., il Palazzo della Nuova Guardia  sono stati ricostruiti completamente.
  
Accademia delle Scienze e delle Belle Arti - Berlino


  
Università Humboldt

   
Berliner Ensemble -  Bertolt Brecht 
   
Stadttheater

    
Della vecchia Berlino si conservano ancora i maggiori istituti culturali come l'università Humboldt..., l'Accademia delle Scienze e delle Belle Arti.., i teatri tra i quali lo Stadttheater e lo Schiffbahnerdamm,  sede del "Berliner Ensemble" fondato da Bertolt Brecht. 
   
Il muro di Berlino nel 1988, è visibile una torre di guardia nel settore orientale


   
Fu quasi completamente distrutta nel corso della Seconda guerra mondiale (1939-45). Durante la guerra fredda (1948-89) la città è stata il simbolo della contrapposizione tra l'Occidente capitalista e i regimi comunisti. Per quasi trent'anni, tra il 1961 e il 1989, un muro alto tre metri e mezzo ha diviso la città in due parti. Dopo la caduta del Muro e la riunificazione tedesca, Berlino è rinata capitale unica della Germania. L'eliminazione del Muro e delle numerose postazioni militari ha lasciato spazi enormi in pieno centro urbano: proprio in questi spazi gli architetti più bravi del mondo si sono sbizzarriti creando numerosi capolavori di ingegneria edile, ammirati ogni anno da milioni di turisti.


AMPELMÄNNCHEN




Significa "omino del semaforo", disegnato a Berlino Est nel periodo comunista, è oggi uno dei simboli della città.


PODSTAMER PLATZ


Il cuore della Berlino contemporanea e Potsdamer Platz. La piazza è una delle più antiche di Berlino, ma è stata interamente ricostruita in seguito alla caduta del Muro. Oggi è la pricipale meta turistica della capitale tedesca.


MURO DI BERLINO



(Berliner Mauer). Dopo la seconda guerra mondiale, in seguito alla Conferenza di Jalta, Berlino divenne sede della Commissione di controllo alleata per la Germania. Le città e il territorio pertinente vennero inizialmente divisi in quattro settori: russo, britannico, americano e francese. Successivamente gli ultimi tre settori si unificarono formando la città di Berlino Ovest, nettamente divisa dal settore sovietico, Berlino Est. In seguito ad attriti tra I'URSS e le potenze occidentali si ebbero blocchi e restrizioni dei trasporti tra le due parti, cui gli alleati reagirono con ponti aerei per il rifornimento della popolazione che furono soppressi nel maggio 1949. Nell'agosto del 1961 le autorità comuniste, a causa dei continui tentativi di fuga dal settore orientale a quello occidentale, decretarono la costruzione di un muro tra le due zone, che sancì la divisione della città sino al 1989, anno in cui venne abbattuto.




PORTA DI BRANDEBURGO


La Porta di Brandeburgo è il monumento simbolo di Berlino durante la guerra fredda. Risale al 1788 ed è un monumento celebrativo ispirato all'Acropoli di Atene. Prima della costruzione del Muro, la Porta di Brandeburgo era il principale punto di passaggio tra la zona occupata dagli americani e la zona russa.


HOLOCAUST MEMORIAL



Inaugurato nel 2005, I'Holocaust Memorial è in realtà un gigantesco monumento, esteso per quasi 20.000 metri quadrati e composto da 2.711 spesse lapidi di pietra grigia che non riportano nomi né altre scritte. E' il tributo della capitale tedesca al genocidio degli ebrei attuato dal regime nazista.


HAUPTBAHNHOF


La stazione centrale di Berlino è Ia piu grande stazione ferroviaria d'Europa. Varie linee si intersecano su piu livelli e incorporato nella struttura d'acciaio della stazione vi è un enorme impianto fotovoltaico, in grado di produrre energia elettrica mediante pannelli al silicio. E' un simbolo della Germania che investe su trasporti ecologici e fonti energetiche rinnovabili.


REICHSTAG


Dal 1999 è la sede del Parlamento tedesco. La sua costruzione finì nel 1894; dopo l'ascesa al potere di Adolf Hitler, nel febbraio del 1933, il Reichstag fu dato alle fiamme da ignoti. L'incendio fu il pretesto usato da Hitler per esautorare il Parlamento e assumere direttamente tutti i poteri, avviando di fatto la dittatura.
  
L'Altes Museum sullo sfondo del Lustgarten. Il museo fu costruito nel 1830 dallo Schinkel per raccogliere le collezioni dei castelli reali. Qui vi sono conservate le raccolte di antichità greco-romane ed egizie.














Nessun commento: