mercoledì 9 aprile 2014

EDILIZIA MODULARE (Modular Construction)



EDILIZIA MODULARE
Impiegata per la prima volta nell'antica Grecia

Nell'edilizia un modulo costruttivo rappresenta un'unità che può essere ripetuta sino a costituire un intero edificio, un po' come avviene per i cubetti delle scatole di costruzione per ragazzi. L'edilizia modulare rende quindi la progettazione e la costruzione di un edificio meno costose, con risparmi superiori a qualsiasi altro metodo di costruzione.

L'idea spetta agli architetti greci che, per edificare i templi, stabilivano le proporzioni delle colonne e lo spazio tra di esse, definendo in anticipo l'intero progetto.
Il modulo venne usato in edilizia con maggior flessibilità dagli architetti del Medioevo. 
Ciascun elemento nell'architettura di una cattedrale gotica era identico, anche se ai singoli costruttori era consentito di apportare le proprie variazioni.
Dopo l'avvento della ghisa come materiale di costruzione, nel XVIII secolo, la progettazione modulare rese possibile la costruzione di edifici interamente prefabbricati. I moduli, fabbricati a basso costo, spesso in serie negli stabilimenti, venivano trasportati in loco e montati su una struttura preesistente.

Il primo vasto edificio prefabbricato del mondo, il Crystal Palace, fu eretto per la Grande Esposizione di Londra, nel 1851.
Non sarebbe stato possibile senza il ricorso al metodo modulare, dato che fu concepito, disegnato ed eretto nell'arco di 9 mesi appena. Joseph Paxton, ex fattore delle proprietà del Duca di Devonshire, ne disegnò tutte le parti in modo che potessero essere prodotte in serie. 
Il Crystal Palace constava di 3.300 colonne di ghisa, con le corrispettive travi maestre di ferro battuto, tutte identiche. Un modulo, formato da 2 colonne e 3 travi, veniva eretto, con l'uso di una piccola gru, su fondamenta di calcestruzzo già predisposte.
L'intera operazione richiedeva 16 minuti. Le colonne del primo piano venivano lasciate cadere nelle apposite aperture delle colonne sottostanti, e la stessa operazione veniva ripetuta per il secondo piano. 
Sul tetto i vetrai lavoravano sospesi a speciali carrelli, e in una settimana 80 operai riuscirono a collocare in sede 18.000 pannelli di veto. Complessivamente I'edificio misurava 561 metri di lunghezza e 137 di larghezza.

Nessun grattacielo sarebbe sorto senza le tecniche dell'edilizia modulare prefabbricata. 
Per esempio, l'Empire State Building di New York, che disponeva di 3.000 porte d'ascensore, fu montato interamente in soli 14 mesi. Dopo che lo scheletro d'acciaio fu eretto, 3.400 operai con 50 specializzazioni diverse lavorarono simultaneamente su tutti i 104 piani del grattacielo.

In seguito, l'adozione del cemento armato nell'edilizia rese possibile la realizzazione di pilastri, solette, pareti divisorie, prefabbricati, con misure unificate. Le prime travi portanti prefabbricate furono messe in opera dall'architetto francese E. Coignet, nel 1891, nel Casinò di Biarritz, in Francia.

L'architetto svizzero Le Corbusier, uno dei maestri dell'architettura moderna, concepì moduli di costruzione basati sulle proporzioni del corpo umano, chiamandoli modulor. Mise in pratica le sue idee tra il 1946 e il 1252 a Marsiglia, con la creazione dell"'unità d'abitazione", prototipo delle moderne costruzioni civili, divise in più appartamenti.

Ma il risultato massimo delle costruzioni modulari è rappresentato da edifici come il complesso di appartamenti, chiamato Habitat, presentato dall'architetto israeliano Moshe Safdie all'Expo '67 di Montreal, in Canada. 
Le unità abitative di Safdie assomigliano a un gigantesco gioco di costruzioni, in cui ciascun blocco rappresenta per esempio una stanza da letto, un salotto, un soggiorno, interamente prefabbricati e dotati di tutte le rifiniture interne, mentre le condutture dell'elettricità e dell'acqua sono incassate nelle pareti.
Nel luogo desiderato questi blocchi possono essere montati nei modi più disparati, ancorandoli a basi di calcestruzzo mediante cavi d'acciaio.

Probabilmente, in un domani non troppo lontano, la gente potrà spostarsi da un luogo all'altro, portandosi appresso la propria casa, munita di tutti i servizi essenziali. Si tratterà solo di scegliere il luogo adatto a fissarla al terreno.


Il primo edificio prefabbricato
Nel 1851, il primo edificio prefabbricato del mondo, il Crystal Palace, venne inaugurato a Londra, come illustra la stampa d'epoca qui sopra. Fu ideato da Joseph Paxton, che ne progettò tutti gli elementi prefabbricati, dalle travi di ferro alle colonne di ghisa, alle lastre di vetro. Occorsero solo 9 mesi per erigere l'intero fabbricato, basato sul disegno di una serra che lo stesso Paxton aveva costruito per il suo ex datore di lavoro, il Duca di Devonsbire. Nel 1854, il Crystal Palace fu smantellato e riassemblato a Sydenham, nella zona sud di Londra, dove fu distrutto da un incendio nel 1936.






3 commenti:

Anonimo ha detto...

That's why I've empire four kingdoms hack compiled this
list of best entertainment source that will look lively with
a top download for iPhone app store. The game has actually been considered
as the characters in the beginning of 2 minutes.

Also visit my blog post; Empire four kingdoms cheats guide

Anonimo ha detto...

Throughout the trial period, you have to just be
sure you usually are not developing any rough patches or dryness on your pores and skin as this may very well
be a sign that the cream is just not an excellent fit for you.


Here is my weblog: acne products cvs

Anonimo ha detto...

Very nice post. I just stumbled upon your weblog and wished to say that I've truly enjoyed
browsing your blog posts. In any case I'll be subscribing to your feed and I hope
you write again very soon!

Feel free to surf to my web page ... sbobet