domenica 4 gennaio 2015

ISOLE DELLE GALAPAGOS (Galapagos Islands)




  
GALAPAGOS

Le Galápagos (o Galapagos, nella grafia italiana), note anche come Arcipelago di Colombo, Arcipelago dell'Ecuador o Arcipelago di Colón, sono un arcipelago di quattordici isole vulcaniche (otto maggiori e sei minori) situate nell'Oceano Pacifico, a circa 1000 chilometri dalla costa occidentale dell'America del Sud. L'arcipelago appartiene all'Ecuador.

Le isole sono distribuite a nord e a sud dell'equatore, che attraversa la parte settentrionale dell'isola più grande, Isabela. Le più vecchie datano circa 4 milioni di anni, mentre le più giovani sono ancora in via di formazione. L'arcipelago è infatti considerato una delle zone vulcanicamente più attive della Terra.

Il relativo isolamento dovuto alla distanza dal continente e l'ampia varietà di climi e di habitat dovuta alle correnti marine della zona hanno portato all'evoluzione di numerose specie endemiche di animali e vegetali, dalla cui osservazione Charles Darwin ha tratto ispirazione per la formulazione della teoria dell'evoluzione. Il suo celebre L'origine delle specie contiene numerosissimi riferimenti ai propri studi sulle specie endemiche delle Galápagos.

Situato a circa 1000 km dalla costa occidentale dell'Ecuador in una posizione isolata, l'arcipelago delle Galapagos fu il territorio ideale per le ricerche di Charles Darwin che vi giunse nel 1835. Fu qui che egli sviluppò i fondamenti della teoria dell'evoluzione pubblicata nel 1859 con il titolo Sull'origine delle specie per selezione naturale. Le circa 20 isole che compongono l'arcipelago sono un vero e proprio laboratorio dell'evoluzione.


Fringuello delle Galapagos


   
Le correnti oceaniche - come quella di Humboldt famosa per il temuto "El Niño" - devono aver permesso in tempi remoti a diverse specie animali di spostarsi dalla terraferma alle Galapagos.
Pur dovendosi adeguare fisicamente al nuovo habitat per poter sopravvivere, questi animali hanno potuto svilupparsi indisturbati e impadronirsi di vere e proprie nicchie ecologiche grazie allo stato di isolamento e alla mancanza di predatori dell'arcipelago. Ed è stato così che, per esempio, da un'unica coppia di fringuelli hanno avuto origine ben 15 specie diverse, che si distinguono l'una dall'altra per il becco.


Un falco delle isole Galapagos, Ecuador, appollaiato su una tartaruga gigante.
Le tartarughe giganti possono raggiungere i 150 anni di età


     
Nuovi studi hanno dimostrato che i mutamenti fisici dei fringuelli di Darwin si compiono in tempi brevissimi, quasi accelerati. Anche le enormi tartarughe delle Galapagos, da cui prende il nome l'arcipelago (galápago in spagnolo significa appunto "tartaruga"), sono state in grado di modificare la propria alimentazione sulla base di quanto l'isola poteva loro offrire: gli esemplari che vivono a nord hanno sviluppato una corazza a forma di sella e la capacità di inarcare il collo per potersi cibare comodamente anche di piante più alte, come i fichi d'India e gli arbusti.
Altri esemplari hanno una corazza a forma di cupola e un collo più corto, poiché si nutrono principalmente di erba o di frutti che trovano a terra. Le tartarughe delle Galàpagos possono arrivare a pesare 250 kg.
In base alla temperatura della covata, dalle uova nasceranno degli esemplari di sesso maschile o femminile. Se la temperatura supera i 30 °C, la probabilità che nascano delle femmine è elevata.


 Iguana terrestre


  
I sauri, con il loro aspetto preistorico, rappresentano una delle creazioni più affascinanti di questo arcipelago. I due generi presenti sono l'iguana terrestre, che raggiunge un metro di lunghezza, e l'iguana marina. Probabilmente entrambe le specie hanno avuto origine dallo stesso antenato. La scarsità di cibo sulle isole ha spinto l'iguana marina a procacciarsi il proprio nutrimento nella fredda corrente di Humboldt. Per questa ragione, nel corso della sua lotta per la sopravvivenza ha sviluppato dei potenti artigli, con i quali aggrapparsi e non farsi trascinare via dalla risacca, nonché delle ghiandole per poter eliminare il sale e una coda che funge da timone.


 I granchi della specie Grapsus grapsus sono sempre in movimento





A differenza degli altri gabbiani, il piovanello caccia di notte




Il raggiungimento della maturità sessuale della sula è facilmente riconoscibile dalle zampe azzurre




Nessun commento: