venerdì 21 agosto 2015

NARNI - Comune in provincia di Terni (Italia)




    
NARNI è una pittoresca cittadina di carattere medioevale, posta in una bella posizione sopra un colle a olivi, a dominio della profonda gola del fiume Nera e della piana di Terni; centro agricolo con una parte indusrriale (Narni Scalo) in piano.




Da visitare il Duomo, una costruzione romanica (XI-XII secolo), restaurata, con semplice una facciata preceduta da un portico rinascimentale (avente un bel fregio) della fine del 400; notevoli, sotto questo, il portale maggiore romanico e un'arcata del1497.
L'interno è a tre navate su colonne ad archi ribassati con abside poligonale. Una quarta navata venne aggiunta sulla destra nel'400; in questa, la terza cappella ha un prospetto architettonico del 1499.


Concattedrale di San Giovenale


  
Segue il sacello o oratorio dei Ss. Giovenale e Cassio, sistemato nei secoli XV e XVI utilizzando elementi romanici, paleocristiani, con fronte marmorea a riquadri (entro nicchie, due statue del XII secolo); da notare, in alto, il mosaico col Redentore, della fine del IX secolo; ai lati ci sono alcuni affreschi del XII secolo.
Ai pilastri estremi della navata centrale, ci sono due pulpiti del 1490. Nel presbiterio, c'è un coro ligneo gotico quattrocentesco. 
Nella cappella che si apre in fondo alla navata di sinistra, c'è il bel sepolcro Gormaz, del 1514, e in una cappellina, statua lignea di S. Antonio abate, del Vecchietta (1474); segue il sepolcro di P. Cesi (1477).


La fontana nella Piazza dei Priori


    
Poi possiamo visitare la Piazza dei Priori, alla quale danno una pittoresca impronta medioevale il massiccio palazzo del Podestà e, di fronte a questo, affiancata da una torre, la grandiosa loggia dei Priori, originale costruzione del '300, con due grandi arcate aperte in un portico dalle volte a crociera. In fondo alla piazza è una graziosa fontana con bacino poligonale, del 1301.


Palazzo del Podestà

   
Ammiriamo adesso il Palazzo del Podestà, oggi sede del Comune, che è formato dall'unione di tre edifici del XIII secolo (bassorilievi sulla fronte), e fu rimaneggiato nel '400 con l'aggiunta di finestre crociate. Nel grandioso cortile interno, ci sono marmi romani e medioevali. Al piano superiore, nella sala del Consiglio, ci sono alcuni dipinti, tra cui una grande pala di D. Ghirlandaio (Incoronazione di Maria e Santi; 1486).


S. Maria in Pensole


    
Lungo la via Mazzini sorgono torri medioevali, qualche casa duecentesca e l'ex chiesa di S. Domenico. Al suo inizio è la chiesetta romanica di S. Maria in Pensole, del 1175, preceduta da un portico ad archi ribassati (come quelli dei colonnati interni), e con tre bei portali scolpiti.


Chiesa di S. Domenico


  
Poi si può visitare la chiesa di S. Domenico del XII secolo, ora adattata ad auditorium e Museo. L'edificio conserva della costruzione romanica il bel portale a rilievi e il campanile. 
Nell'interno, restaurato, ci sono affreschi dei secoli XIII - XIV e varie opere d'arte: una statua lignea (Madonna col Bambino) del XII secolo; l'Annunciazione, una tavola di B Gozzoli; un busto di S. Bernardino, di terracotta, del Vecchietta; Madonna in trono e Dormizione della Vergine, tavola a due facce del "Maestro del 1409", e altri dipinti; un altare protoromanico in pietra. 
In fondo alla navata di sinistra, c'è una Madonna e Santi, affresco attribuito a P. Matteo d'Amelia.


Chiesa di S. Francesco
   
Altri monumenti da visitare a Narni sono la chiesa gotica di S. Francesco del '300, dal ricco portale sormontato da un'edicola e con l'interno a tre navate con abside poligonale; nelle cappelle laterali e sui pilastri, ci sono resti di affreschi del '300 e '400.


Chiesa di S. Agostino


   
Poi incontriamo la chiesa di S. Agostino, del XV secolo, con un caratteristico portale sulla fronte. Nell'interno ci sono vari affreschi di L. Torresani (XVI secolo) e uno di P. Matteo d'Amelia (1482); ammiriamo poi un Crocifisso ligneo del '500 e un'interessante tavola del '400 con bella predella.


Rocca di Narni

        
Poi raggiungiamo la Rocca, che sorge sull'alto e vi si sale per la via del Monte attraverso un caratteristico quartiere antico. Fu eretta nel 1370 dall'Albornoz e modificata in parte nel 1400; è a pianta quadrata con torrioni angolari dai quali si gode uno stupendo panorama.

Ai piedi della cittadina, a 1,5 km  per la strada che scende alla Stazione, sul fiume Nera ci sono le rovine del ponte di Augusto, probabilmente di età augustea, in origine lungo 128 metri, alto quasi 30 e a quattro grandiose arcate, delle quali rimane in piedi una sola (l'altra, sotto cui passa la ferrovia, è moderna). 
Nei pressi, c'è  il santuario della Madonna del Ponte, del '700 ma rifatto dopo la guerra, che incorpora una cappella con un dipinto (Madonna) trecentesco e affreschi dei secoli XII e XIII.


Sacro Speco di S. Francesco


     
Uscendo verso Terni, poi girando a destra per Altrocanto e S. Urbino, incontriamo il convento del Sacro Speco, che fu fondato da S. Francesco nel 1213 in luogo solitario tra lecci e castagni, e rifatto nel XIV secolo, dove possiamo ammirare degli affreschi coevi.


Ponte di Augusto - Narni



     
VEDI ANCHE . . .

IL PONTE DI NARNI - Jean-Baptiste-Camille Corot

.

2 commenti:

olgica io ha detto...

Grazie di queste informazioni!

Anonimo ha detto...

Gent.mo Blogger
Ho letto il suo post su Narni ma le notizie che riporta sono state tratte da una guida turistica precedente al 2000 perché molte informazioni non sono corrette e manca, per esempio, il sito di Narni Sotterranea.
Le consiglio la prossima volta di informasi a dovere per evitare commenti come questo.
Grazie