sabato 14 novembre 2015

PIER LUIGI NERVI - Ingegneria edile civile (Civil Engineering Building)

Pier Luigi Nervi sotto il viadotto di Corso Francia, Roma 

Pier Luigi Nervi (Sondrio, 21 giugno 1891 – Roma, 9 gennaio 1979) fu un ingegnere italiano, specializzato nell'edilizia civile. Fu socio dell'Accademia nazionale delle scienze e autore di alcune grandi opere. Collaborò con architetti di fama internazionale, tra cui Le Corbusier e Louis Kahn.

Nervi si laureò nel 1913 come ingegnere edile all'Università di Bologna e successivamente a nel reparto tecnico dello Società di costruzioni in cemento armato, a Bologna e a Firenze. 
Nel 1920 fondò una sua impresa, la Società Ing. Nervi e Nebbiosi
Il progetto che per primo gli assicurò lo notorietà a livello internazionale fu lo Stadio Comunale di Firenze, con 35.000 posti a sedere, uno struttura a basso costo realizzata in modo evidente in cemento e con ampie scale a spirale. 
Nel 1932 Giovanni Bartoli divenne co-direttore dello ditta. Tre anni dopo Nervi vinse la gara di appalto per la costruzione degli hangar di Orvieto, da lui concepiti come delle strutture geodetiche e testati come modelli di celluloide prima di essere effettivamente costruiti a partire dal 1938.
Queste strutture leggere vennero ulteriormente sviluppate in occasione dello costruzione degli hangar di Orbetello e di Torre del Lago (1940-1943) attraverso il parziale impiego di elementi di cemento prefabbricato. 
Dal 1946 al 1961 insegnò alla facoltà di architettura a Roma, specializzandosi in tecnologie e materiali da costruzione. 
Tra il 1948 e il 1949 progettò e realizzò una sala per esposizioni a Torino, costituita da due corpi uniti insieme a formare uno struttura rettangolare coperta da un tetto ondulato sostenuto da una volta di cemento. La sala stessa è privo di pilastri di supporto. Qui, per la prima volta, Nervi utilizzò l'impalcatura mobile di tubi metallici da lui ideata e brevettata.
Oltre a questa sala, tra le realizzazioni più significative di Nervi figurano il solone delle feste di Chianciano Terme, con una copertura a volta simile a una rete (1950-1952), la sede centrale dell'UNESCO a Parigi, progettata insieme a Marcel Breuer e Bernard Zehrfuss (1953-1958) e il grattacielo Pirelli a Milano (1955-1958), realizzato in collaborozione con Gio Ponti. 
Inoltre, insieme ad Annibale Vitellozzi disegnò e costruì due pregevoli stadi per le Olimpiadi di Roma del 1960.


OPERE PRINCIPALI

Ponte sul fiume Cecina, Pomarance (PI), 1920-22 (demolito nel 2001)



Politeama Pratese, Prato, 1925






Teatro Augusteo di Napoli, 1926-27


   
Stadio Stadio Comunale di Firenze, 1930-32 (oggi Stadio Artemio Franchi)



  
Aviorimesse di Orvieto (TR), 1935

Aviorimesse dell'idroscalo di Marsala (TP), 1935

Aviorimesse dell'idroscalo di Orbetello (GR), 1935

Aviorimesse dell'aeroporto di Pantelleria (TP), 1935

Piscina dell'Accademia Navale di Livorno, 1947-49

Palazzo dell'UNESCO a Parigi (Francia), 1953-58


Stazione di Napoli Centrale (con Giuseppe Vaccaro), 1954



 
Grattacielo Pirelli di Milano (progetto architettonico di Gio Ponti), 1955-59
    
Palazzetto dello Sport di Roma (progetto architettonico di Annibale Vitellozzi), 1956-57
     
Sede della Società Galbani a Milano
(progetto architettonico di Eugenio ed Ermenegildo Soncini), 1956-59
    
Aeroporto internazionale Leonardo da Vinci Roma-Fiumicino, 1957


   
Stadio Flaminio di Roma (progetto architettonico di Antonio Nervi), 1957-59
  
Palazzo dello Sport di Roma (progetto architettonico di Marcello Piacentini), 1957-59

        
Viadotto di Corso Francia a Roma (con Luigi Moretti), 1958-60
     
Palazzo del Lavoro di Torino, 1959-60


   
Stazione F.S. di Savona, 1960-62

Stazione degli autobus di New York (Stati Uniti), 1960-62

Palazzetto dello Sport di Torino (progetto architettonico di Annibale Vitellozzi), 1961


Ponte Risorgimento a Verona, 1961-63



  
Palazzo Comunale a Serravalle di Chienti (MC), 1966




Australian Square a Sydney (Australia), 1961-67
   
Torre della Borsa di Montréal (Canada, progetto architettonico di Luigi Moretti), 1963-64
    
Aula delle udienze pontificie in Vaticano, 1966-71


    
Palazzo Nervi-Scattolin a Venezia (con Angelo Scattolin), 1972


    
Palazzo dell'Ambasciata d'Italia a Brasilia (Brasile), 1976

      
Torre Nervi a Reggio Calabria, 1978